Stampa
PDF
13
Ott

COMUNICATO STAMPA

PAOLO ANDREUCCI VINCE IL RALLY DUE VALLI 2014

E CONQUISTA L'OTTAVO TITOLO TRICOLORE

Secondo il trevigiano Basso, con la Fiesta LDI a Gpl terzo il veronese Scandola, condizionato da una foratura all'inizio della gara

Il podioPaolo Andreucci e Anna Andreussi, sulla Peugeot 208 T16 della Racing Lions sono riusciti nell'impresa. Molti ne erano sicuri, altri invece avevano qualche riserva. Ma sulla pedana d'arrivo del XXXII Rally Due Valli, la coppia d'oro del rallysmo italiano ha messo a segno l'ottavo centro. Mai nessuno come loro nella storia di questo campionato, e questa volta, senza nulla togliere agli avversari, hanno dimostrato di essere i più forti, a prescindere dalle condizioni della gara che al Due Valli sono state particolarmente proibitive.

Al secondo posto, staccato di 21.8 secondi, il veneto Giandomenico Basso, che navigato da Mitia Dotta ha regalato un grande successo alla prima vettura a gpl in lizza per una competizione di rally. La loro Ford Fiesta R5 LDI preparata dalla BRC Motorsport ha mancato veramente di poco l'obiettivo, ma non si può dire che non ci abbia provato. Prima del finimondo meteorologico, Basso era davvero vicino ad Andreucci, e in condizioni normali la gara avrebbe potuto prendere una piega diversa.

Terzo, a 1'21, il pilota di casa, Umberto Scandola con Guido D'Amore sulla Skoda Fabia S2000 della Skoda Italia Motorsport. Il veronese è partito con tutti gli occhi addosso, e dopo una prologo guardinga non ha potuto esprimere il suo potenziale fino in fondo, perché una foratura sulla PS2 ne ha condizionato tutta la gara. È stato lui stesso, a fine gara, ad ammettere che forse questo contrattempo gli ha fatto perdere la concentrazione nelle prime fasi della gara, quel tanto che è bastato per perdere il contatto con i primi. Ciò non toglie che abbia disputato una stagione molto positiva, dimostrando di saper portare al massimo livello una vettura, la Fabia S2000, che tecnicamente è senza dubbio inferiore alle altre due.

Dietro di loro hanno completato le prime dieci posizioni “Ciava”-Ciucci quarti con la Ford Fiesta R5 della Movisport; Rossi-Rocchi, quinti su una Renault Clio S1600, prestazione che è valsaAndreucci-Andreussi festeggiano la vittoria loro anche una meritata vittoria di classe dopo il secondo posto del 2013; Albertini-Mazzetti sesti sulla Peugeot 208 R2 della Racing Lions e autori di una gara strepitosa, anche se rallentata dal maltempo. Menzione speciale per i veronesi Alberto Piatto e Stefano Farina, settimi, che sulla Clio R3 della Destra 4 sono riusciti a fare loro la classe davanti ai giovani del Trofeo Renault. Dietro, in ottava piazza, Ivan Ferrarotti e Manuel Fenoli (Clio R3C/Best Racing Team), che hanno conquistato il titolo italiano conduttori produzione davanti a Fabrizio Andolfi e Andrea Casalini (decimi al traguardo) che hanno portato in gara la nuovissima Clio R3T (Renault Sport Technology), ma hanno ammesso che occorrerà qualche gara con condizioni “normali” per capirne realmente il potenziale. Tra i due anche i freschi campioni italiani junior Giacomo Scattolon e Fabio Grimaldi, noni assoluti sulla Peugeot 208 R5 della Vieffecorse e primi di classe R2B. Da segnalare, infine, anche l'ultimo titolo disponibile vinto in questa manifestazione, quello del Trofeo Twingo, che ha premiato Luca Panzani e Sara Baldacci, che hanno chiuso all'undicesimo posto assoluto.

Stampa
PDF

COMUNICATO STAMPA

TANTE SORPRESE NELLA GARA DEL TRN

VINCE TABARELLI DAVANTI A PIGHI E A RAMPONI

Ritiri per Dal Ponte e Righetti. Gara segnata dal maltempo nella sua ultima fase. Bellissimo lo spettacolo dell'arrivo in Corso Castelvecchio.

Il podioNon sono di certo mancate le sorprese nella gara di TRN di questo XXXII Due Valli. Fin dall'inizio si era detto che in caso di pioggia e di condizioni scivolose, sarebbe potuta emergere dal gruppo la Mitsubishi Lancer di Daniele Tabarelli, e così è stato, in un appuntamento che ha visto nell'incertezza meteo una delle sue chiavi di lettura più pesanti. A vincere, al termine, proprio il trentino in forze all'Omega, navigato da Simone Gaio, che sul traguardo di Verona ha preceduto il compagno di colori Davide Pighi, secondo insieme a Marco Zortea sulla 207 S2000, staccato di 25.4 secondi, e la sorpresa formata da Stefano Ramponi e Andrea Fraccaroli, terzi sulla Renault Clio A7 della Julli, primi anche della loro classe, staccati di 3'08.

A favorire Tabarelli, oltre ai ritiri di Dal Ponte, partito bene, e Righetti, che ha alzato bandiera bianca sull'ultima prova in programma, le condizioni meteo. «Sabato siamo partiti con una scelta di gomme non ottimale, che sull'umido e sul viscido ci ha fatto parecchio soffrire» ha dichiarato il vincitore al termine della gara. «Alla fine del primo giro abbiamo trovato la prima prova asciutta che ha favorito il nostro set up, poi abbiamo avuto un po' di fortuna. Abbiamo fatto una grande gara, sono davvero contento per il team. Vincere il Due Valli ha un sapore molto particolare». Il trentino sarà ora impegnato al Rally di Roma per la finale di Coppa Italia.

In collaborazione con

Videofotosport Evit Autofficina Carrozzeria e Gommista SANI AUTO Srl Tosoni Snc

Ari Verona AeP

Contattaci

Automobile Club Verona

Via della Valverde, 34 - 37122 Verona

Tel: +39 045 8538784

Fax: +39 045 4854841

info@rallyduevalli.it

 Contattaci